Parco Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane  
image
Home Contatti
Ente Parco Il Parco Turismo nel Parco Paesi del Parco Banca dati del Parco
 Cerca
   
Menù      
 INVIA PAGINA
 
 
 
Ente Parco
 
»  Carta d’identità del Parco
»  Regolamenti e modulistica
»  Piano del Parco
»  URP
»  Accesso Civico
»  Organi
»  Contatti e informazioni
»  Attività
»  Progetti
»  Pubblicazioni
»  News e comunicati stampa
»  Bacheca informativa
»  Albo Pretorio Procedimenti
»  Privacy
»  Note legali
»  Elenco siti tematici
 
Il Parco
 
»  L’Ecosistema
»  Geomorfologia
»  Le Dolomiti
»  La Foresta
»  I Boschi
»  Flora del Parco
»  Fauna del Parco
»  Storia
»  Cultura
»  Tradizioni
»  Video
 
Turismo nel Parco
 
»  Itinerari del Parco
»  Informazioni utili
»  Centro Informazioni e area Camper
»  Visite ed escursioni guidate
»  Centri Visita
»  Offerta didattica Scuole
»  Come arrivare
»  Sport natura e divertimento
»  Il Volo dell’Angelo
»  Hotels e Agriturismi
»  Ristoranti
 
Paesi del Parco
 
»  Le Città Natura
»  Accettura
»  Calciano
»  Castelmezzano
»  Oliveto Lucano
»  Pietrapertosa
 
Banca dati del Parco
 
»  Botanica
»  Fauna
»  Funghi
»  Strutture Architettoniche
»  Siti Archeologici
»  Geositi
 
 Newsletter
 Cerca
 Stampa
 
Ente Parco Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane
Località Palazzo
75011 Accettura (MT)
Basilicata - Italy
 Mappa
Tel. +39 0835 675015
Fax +39 0835 1673005

info@parcogallipolicognato.it
 
 
   
Compila i campi del modulo e clicca sul tasto SPEDISCI.
La pagina verrà inviata via email, con l'eventuale messaggio, sia all'indirizzo del destinatario sia alla tua email.
 
OggettoProgetti
La Tua Email * Email destinatario *
Messaggio (facoltativo)
 
LA PAGINA CHE STAI INVIANDO
 
Progetti 20/11/2017
Se l’olivo segna il paesaggio alla collina, la montagna conserva una maggiore varietà di fruttiferi e in primo luogo quelli della famiglia delle pomacee.
Gli esemplari selvatici del pero - Perasc’n (perastro) - e del melo - Melasc’n - (o anche Mus d’ vitedd’, ad Accettura) sono diffusi come alberi sparsi anche al di fuori degli orti (foto 62-63).
La loro funzione biologica è di estremo interesse in quanto i fruttiferi sparsi costituiscono rifugio e alimento per l’avifauna e, quindi, sono un importante supporto per la conservazione della biodiversità animale (foro 64).
 
Importante e diffuso è anche il loro impiego come piede per l’innesto di varietà domesticate, soprattutto nel caso del pero che resiste al freddo. Inoltre i frutti dei peri e dei meli selvatici costituiscono parte dell’alimentazione degli animali allevati (foto 65).

Per l’alimentazione umana, invece, sono impiegate le razze domesticate.
Tra le varietà di pere tra le più diffuse sono: Spadona, una varietà italica che altrove è stata sopraffatta da cultivar commerciali, Spadoncella (quest’ultima a maturazione agosto e quind Agust’nedda, foto 66), Balcone, dal frutto medio-grande, dalla buccia giallo rossa e dalla polpa tenera (foto 67), e Pero della regina (Accettura).
 
Anche per le mele si verifica una maggiore presenza delle varietà che si rinvengono diffusamente in tutto il territorio regionale, la Deliziosa gialla e rossa (indicata con il nome locale App’fine) e la Maggiatica (mela piccole e verde a maturazione precoce) che viene anche chiamata Mela di San Giovanni nelle zone in cui si verifica la maturazione tardiva (foto 68 e 69).
 
 
     
 
 
         
  parcogallipolicognato.it    
Contatti    Area Utenti    Privacy    Note Legali Credits: basilicatanet.com