Parco Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane  
image
Home Contatti
Ente Parco Il Parco Turismo nel Parco Paesi del Parco Banca dati del Parco
 Cerca
   
Menù      
 INVIA PAGINA
 
 
 
Ente Parco
 
»  Carta d’identitą del Parco
»  Regolamenti e modulistica
»  Piano del Parco
»  URP
»  Accesso Civico
»  Organi
»  Contatti e informazioni
»  Attivitą
»  Progetti
»  Pubblicazioni
»  News e comunicati stampa
»  Bacheca informativa
»  Albo Pretorio Procedimenti
»  Privacy
»  Note legali
»  Elenco siti tematici
 
Il Parco
 
»  L’Ecosistema
»  Geomorfologia
»  Le Dolomiti
»  La Foresta
»  I Boschi
»  Flora del Parco
»  Fauna del Parco
»  Storia
»  Cultura
»  Tradizioni
»  Video
 
Turismo nel Parco
 
»  Itinerari del Parco
»  Informazioni utili
»  Centro Informazioni e area Camper
»  Visite ed escursioni guidate
»  Centri Visita
»  Offerta didattica Scuole
»  Come arrivare
»  Sport natura e divertimento
»  Il Volo dell’Angelo
»  Hotels e Agriturismi
»  Ristoranti
 
Paesi del Parco
 
»  Le Cittą Natura
»  Accettura
»  Calciano
»  Castelmezzano
»  Oliveto Lucano
»  Pietrapertosa
 
Banca dati del Parco
 
»  Botanica
»  Fauna
»  Funghi
»  Strutture Architettoniche
»  Siti Archeologici
»  Geositi
 
 Newsletter
 Cerca
 Stampa
 
Ente Parco Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane
Localitą Palazzo
75011 Accettura (MT)
Basilicata - Italy
 Mappa
Tel. +39 0835 675015
Fax +39 0835 1673005

info@parcogallipolicognato.it
 
 
   
Compila i campi del modulo e clicca sul tasto SPEDISCI.
La pagina verrą inviata via email, con l'eventuale messaggio, sia all'indirizzo del destinatario sia alla tua email.
 
OggettoComunicati 2009
La Tua Email * Email destinatario *
Messaggio (facoltativo)
 
LA PAGINA CHE STAI INVIANDO
 
Comunicati 2009 22/11/2017
Reintrodotti quattro soggetti di Capriolo italico all’interno del territorio protetto del Parco di Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane.
Il progetto, promosso e sostenuto dalla Regione Basilicata - Dipartimento Ambiente - Ufficio Tutela della Natura, è caratterizzato da un grande interesse conservazionistico e rientra tra gli obiettivi principali del Piano Nazionale d’Azione per la conservazione del Capriolo italico.
Il nucleo dei fondatori, provenienti dalla provincia di Siena, sono stati sottoposti a specifiche indagini genetiche preventive (DNA microsatellitare) da parte degli Organi del Ministero dell’Ambiente, al fine di accertarne l’appartenenza certa alla forma “italica”, l’unica che può essere reintrodotta nell’Italia meridionale.
Il ritorno di questa specie, estinta nel territorio alla fine dell’ottocento ed un suo auspicabile incremento numerico, oltre a contribuire all’ampliamento dell’areale in Italia, oggi molto ridotto e separato ecologicamente tra loro (resiste, seppur con popolazioni relitte, solo sul versante calabrese del Parco Nazionale del Pollino), riveste un ruolo importantissimo per il mantenimento della biodiversità e degli ecosistemi .

Accettura, 06.04.09

IL PRESIDENTE
Dr. Rocco RIVELLI
 
 
     
 
 
         
  parcogallipolicognato.it    
Contatti    Area Utenti    Privacy    Note Legali Credits: basilicatanet.com