Parco Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane  
image
Home Contatti
Ente Parco Il Parco Turismo nel Parco Paesi del Parco Banca dati del Parco
 Cerca
   
Menù      
Home > Ente Parco > Progetti Indice  |  Precedente  |  Successiva
 
 
 
Ente Parco
 
»  Carta d’identità del Parco
»  Regolamenti e modulistica
»  Piano del Parco
»  URP
»  Accesso Civico
»  Organi
»  Contatti e informazioni
»  Attività
»  Progetti
»  Pubblicazioni
»  News e comunicati stampa
»  Bacheca informativa
»  Albo Pretorio Procedimenti
»  Privacy
»  Note legali
»  Elenco siti tematici
 
 Newsletter
 Invia questa pagina
 Cerca
 Stampa
 
Ente Parco Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane
Località Palazzo
75011 Accettura (MT)
Basilicata - Italy
 Mappa
Tel. +39 0835 675015
Fax +39 0835 1673005

info@parcogallipolicognato.it
 
 
   
Drupacee
Molto comune nella zona sono i fruttiferi del genere Prunus in evidente continuità tra lo stato selvatico e quello domesticato. Nella zona viene chiamata Pass’ la spagna una piccola susina allungata o tonda, di colore giallo, piuttosto acidula, molto prossima al selvatico, che altrove prende il nome di Gulecina.
 
Probabilmente la variante locale di questo termine è Vdd’scn, nome che è stato attribuito ad una piccola susina, rotonda e decisamente acidula domesticata dal selvatico e simile ad un frutto definito Cucumelia in altre zone montane della Basilicata (foto 70 -72) Diffusa solo nella parte montana dell’area di indagine è anche la varietà di prugna Prun de la Regina, dal frutto dolce, piccolo ed ovoidale (foto 73 -76).
 
Altrettanto comune ma scarso è il ciliegio di sono conosciute una varietà semiselvatica, dalla drupa piccola scura, la Ceresa neura (foto 77) ed una varietà di colore rosso e più domesticata: la Maggiatica. Molto raramente abbiamo rinvenuto singole piante di ciliegie a polpa soda, come la cultivar Graffione e Ferrovia, introdotte negli ultimi 20-30 anni.
Rarissime sono infine le piante di pesco, albicocco e percoco.

Nella maggior parte dei casi sono state acquistate, in altri sono nati da seme caduto a terra dopo che il frutto era stato mangiato. In un unico caso ci è stata segnalata la presenza di una varietà antica di percoca - la Vignarola (Accettura) - caratterizzata dalla polpa rossa (foto 78) e che, molto verosimilmente, corrisponde a quella che in altre zone della Basilicata viene chiamata Percochina dei Vigneti.
 
 
 
»  Aspetti generali
»  Motivazione della ricerca
»  Ricerca sugli orti
»  Piante a ciclo breve
»  Graminacee
»  Solanacee
»  Leguminose
»  Altre ortive
»  Erbe e piante aromatiche
»  Tecniche di coltivazione
»  Piante da frutto
»  Vite e olivo
»  Pomacee
»  Drupacee
»  Altri fruttiferi
»  I custodi della biodiversità
 
         
  parcogallipolicognato.it    
Contatti    Area Utenti    Privacy    Note Legali Credits: basilicatanet.com