Parco Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane  
image
Home Contatti
Ente Parco Il Parco Turismo nel Parco Paesi del Parco Banca dati del Parco
 Cerca
   
Menù      
Home > Ente Parco > Progetti Indice  |  Precedente  |  Successiva
 
 
 
Ente Parco
 
»  Carta d’identità del Parco
»  Regolamenti e modulistica
»  Piano del Parco
»  URP
»  Accesso Civico
»  Organi
»  Contatti e informazioni
»  Attività
»  Progetti
»  Pubblicazioni
»  News e comunicati stampa
»  Bacheca informativa
»  Albo Pretorio Procedimenti
»  Privacy
»  Note legali
»  Elenco siti tematici
 
 Newsletter
 Invia questa pagina
 Cerca
 Stampa
 
Ente Parco Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane
Località Palazzo
75011 Accettura (MT)
Basilicata - Italy
 Mappa
Tel. +39 0835 675015
Fax +39 0835 1673005

info@parcogallipolicognato.it
 
 
   
Solanacee
Comuni e relativamente abbondanti sono le solanacee , una famiglia di ortive assai provvida di piante alimentari. Rare e scarse sono risultate però le piante che potrebbero rivelarsi di origine autoctona o appartenenti a varietà antiche.
Tra le prime possiamo citare il pomodoro Vr’nìl (=invernale), piccolo, tondo e dalla buccia dura e gialla che viene seccato per il consumo invernale. Più incerta è l’attribuzione ad una varietà antica dei pomodoro Arsicolo, per la sua resistenza alla siccità (foto 9); Jascariedd, che per la forma del frutto sembra appartenere alla tipologie dei pomodori lampadina, Pizzulicch’ (tipo ciliegino), Cuore di Bue e San Marzano (foto 10). Per quanto riguarda questi ultimi tipi di pomodoro, relativamente da mensa e da salsa, il dubbio è giustificato dal fatto che il nome di varietà anticamente coltivate nel Mezzogiorno venga attualmente usato per indicare varietà commerciali.
 
Diffusa ma scarsa è la coltivazione di peperoni e l’origine locale sembra abbastanza probabile nel caso del Cerasidd’ (tondo e piccante) in alcuni casi chiamato A Mus’ d’ vitedd (= a muso di vitello) e del Corna di capra (del tipo Peperoni di Senise, foto 11) anche se questo termine accomuna due tipi di peperoni da seccare: il, primo dalla forma allungata e probabilmente antico (viene anche chiamato con il nome di Zafarana, equivalente a crusco), il secondo di forma più corta e probabilmente in trodotto dall’esterno. Nella foto 12 è possibile distinguere le due tipologie di peperoni all’interno della serta.
 
Lo stesso ragionamento vale per le varietà maggiormente diffuse di patata (foto 13): la Rossa di montagna a polpa gialla e a polpa bianca (presente ad Accettura e ad Oliveto, assente nel resto dell’area) potrebbe comprendere genotipi antichi (foto 14), mentre sicuramente introdotta dall’esterno è la patata bianca a polpa gialla
 
 
 
»  Aspetti generali
»  Motivazione della ricerca
»  Ricerca sugli orti
»  Piante a ciclo breve
»  Graminacee
»  Solanacee
»  Leguminose
»  Altre ortive
»  Erbe e piante aromatiche
»  Tecniche di coltivazione
»  Piante da frutto
»  Vite e olivo
»  Pomacee
»  Drupacee
»  Altri fruttiferi
»  I custodi della biodiversità
 
         
  parcogallipolicognato.it    
Contatti    Area Utenti    Privacy    Note Legali Credits: basilicatanet.com