Parco Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane  
image
Home Contatti
Il Parco Turismo nel Parco Paesi del Parco Banca dati del Parco Ente Parco
 Cerca
   
Menù      
Home > Il Parco > Tradizioni Indice  |  Successiva
 
 
 
Il Parco
 
»  L’Ecosistema
»  Geomorfologia
»  Le Dolomiti
»  La Foresta
»  I Boschi
»  Flora del Parco
»  Fauna del Parco
»  Storia
»  Cultura
»  Tradizioni
»  Video
 
 Newsletter
 Invia questa pagina
 Cerca
 Stampa
 
Ente Parco Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane
LocalitÓ Palazzo
75011 Accettura (MT)
Basilicata - Italy
 Mappa
Tel. +39 0835 675015
Fax +39 0835 1673005

info@parcogallipolicognato.it
 
 
   
Le tradizioni nel territorio del Parco
Regione caratterizzata da una profondissima fede religiosa e, ancora oggi, legata ad antiche tradizioni, la Basilicata presenta luoghi, come quelli rientranti nell’area del Parco, in cui sopravvivono usi e costumi la cui origine si perde nella notte dei tempi. Numerosi e dallo straordinario impatto emozionale sono gli eventi folcloristici che animano, durante l’intero arco dell’anno, i comuni di Accettura, Calciano, Castelmezzano, Oliveto Lucano e Pietrapertosa.

Così oltre alle consuete feste patronali, vengono di frequente organizzate sagre, manifestazioni culturali e musicali, fiere di prodotti locali, degustazioni di piatti tipici, eventi questi in grado di svolgere un importante ruolo di aggregazione e di attrazione turistica.

Basti pensare, solo per fare alcuni esempi, alla Sagra della "Quagliata" che ha luogo a Castelmezzano la 1° Domenica di Maggio; sempre a Castelmezzano la Sagra della "Cuccia" che si festeggia il 13 Dicembre. A Calciano dal 1 al 31 Agosto hanno luogo le Sagre de "un grummuridd" (involtini di agnello e capretto), de "uppdegn" (pannocchia cotta in acqua e sale) e della "Pasta" (cavatelli, orecchiette e fusilli), accompagnate da mostre di pittura e cinepresa; sempre a Calciano il 16 Marzo ha luogo la Sagra "dei fagioli".

Degne di nota sono anche le fiere organizzate ad Accettura; la fiera di merci e bestiame nei primi giorni di ottobre, novembre, dicembre e gennaio, il Mercato delle merci il 1° ed il 16 di ogni mese. Da ricordare anche la fiera dei prodotti tipici che si festeggia il 12 Settembre a Oliveto Lucano, e le numerose feste religiose di Pietrapertosa.

Dal variegato e pittoresco quadro delineato, è facile comprendere l’importante ruolo di coesione svolto dalle feste popolari che animano questi luoghi. La cosa più straordinaria è senza dubbio la incondizionata partecipazione di tutti, come testimoniato dal ritorno al paese di numerosi emigranti per consumare un rito che il più delle volte affonda le sue radici in rituali precristiani.

Molte sono infatti le feste che si dividono tra il motivo religioso e quello pagano: basti pensare ai Maggi, feste tipicamente pagane. Si tratta di culti arborei celebrati ad Accettura, Oliveto Lucano, Pietrapertosa e Castelmezzano, in cui si esprime, in maniera del tutto evidente ed inequivocabile, lo strettissimo rapporto che la popolazione ha con l’ambiente circostante, caratterizzato da imponenti montagne e fitti boschi.
 
I Maggi
Una particolare importanza rivestono le feste denominate Maggi, espressione unica in Italia delle comunità montane nell’area del Parco di Gallipoli Cognato e delle Piccole Dolomiti Lucane. In queste feste si esprime il rapporto strettissimo che la popolazione ha con l’ambiente circostante caratterizzato dalle montagne e i fitti boschi.

Si tratta dei Culti Arborei celebrati ad Accettura, Oliveto Lucano, Pietrapertosa e Castelmezzano. Questi hanno in comune la rappresentazione dell’unione tra un albero ad alto fusto, un Cerro (il Maggio), che rappresenta il maschio, ed una Cima, la regina del bosco solitamente un agrifoglio. I due alberi vengono tagliati nei boschi e trasportati in paese attraverso un rito particolarmente suggestivo a cui partecipano centinaia di persone accompagnati dal suono delle zampogne dei pifferi e dei tamburi.

Il Maggio è trainato da numerose coppie di buoi. Durante il tragitto vi è una sosta nella quale si ripone il Maggio ed i "maggiaiuoli" si riposano: in questo momento canti e balli, ancora una volta, accompagnano la sosta.Si giunge infine in paese dove avviene l’incontro fra il Maggio e la Cima.

Il giorno dopo si da inizio al matrimonio fra il Maggio, il tronco, e la Cima, la chioma.Il rito prevede la preparazione dello sposo, il Maggio, e della Cima, la sposa, il giorno della Pentecoste. Nel momento in cui le due parti sono unite ad incastro, il matrimonio è consumato e la festa inizia con la musica e le danze caratteristiche.L’albero ottenuto dall’innesto è issato in fondo alla piazza.

Coperto di doni è pronto per la scalata finale effettuata da giovani che si cimentano mettendo in mostra la propria forza fisica e abilità. Il Maggio rimane in piazza fino al giorno del Corpus Domini.
 
 
         
  parcogallipolicognato.it    
Contatti    Area Utenti    Privacy    Note Legali Credits: basilicatanet.com